La domotica: significato

La domotica è l’insieme di soluzioni per gestire impianti, elettrodomestici ed oggetti casalinghi connettendoli a sistemi digitali o elettronici che ci permettono di automatizzarli o controllarli da remoto.
Le applicazioni sono infinite, tutte finalizzate a rendere più facile ed economica la gestione quotidiana della nostra casa. Per questo motivo, infatti, si usa spesso il sinonimo smart home in quanto la semplicità d’uso è alla base delle innovazioni tecnologiche di questo settore.
Accendere e spegnere le luci con il cellulare ovunque ci troviamo; impostare l’avviamento dei termosifoni della casa in montagna prima di partire per il weekend; verificare da remoto eventuali effrazioni con l’ausilio di telecamere e fotocellule… sono tutti esempi pratici di quello che può fare la tecnologia domotica.

La domotica in casa: aiuto alle famiglie

Essendo da sempre al fianco delle famiglie, sappiamo bene quali possono essere i fattori critici nella gestione della vita domestica soprattutto quando sono presenti in famiglia soggetti anziani o minori. Vediamo le principali applicazioni della domotica in casa.

La sicurezza della casa

Purtroppo nelle metropoli moderne pochissimi quartieri possono considerarsi del tutto immuni dalla microcriminalità. È per questo che nelle nostre case è diventata una consuetudine l’installazione di sistemi di allarme e monitoraggio sempre più innovativi. La domotica ci permette di controllare da remoto e in tempo reale eventuali effrazioni nella nostra abitazione. Ma è possibile anche attivare soluzioni di monitoraggio interno o esterno della casa per appurare danni da fenomeni meteorologici o… dalle bizze del nostro animale domestico lasciato solo in casa!

La sicurezza dei nostri familiari più fragili

La sicurezza è sempre la prima preoccupazione che ci poniamo rispetto ai familiari di cui ci prendiamo cura.
Questo aspetto diventa ancora più importante nei casi in cui un parente anziano vive da solo magari con un sostegno professionale solo part-time. Anche il controllo di neonati e bimbi in età prescolare è fondamentale in ogni momento della giornata e in qualsiasi stanza della casa si trovino. In tutti questi casi la domotica può aiutarci a rendere più tranquilla e sicura la quotidianità nostra e dei nostri cari.

La comodità

Lo stile di vita moderno ha la tendenza a dividere i momenti della giornata attivi, nel lavoro o nello sport, dai momenti di relax che viviamo a casa. Da anni ormai le nostre case vengono progettate sfruttando sempre di più quelle soluzioni che rendono comodi e poco faticosi tutti i gesti quotidiani ripetitivi. Dalla chiusura delle imposte, al controllo della temperatura; dall’accensione delle luci, alla gestione degli elettrodomestici o di sistemi di home theatre.

Risparmio

Il risparmio è una delle motivazioni principali che ci spinge ad applicare soluzioni di domotica nelle nostre case. Soprattutto in periodi – come questo – in cui il costo dell’energia pesa fortemente sul bilancio familiare. Con le soluzioni di domotica (anche detta smart home) diventano all’ordine del giorno la gestione dinamica dell’illuminazione, la programmazione del riscaldamento o l’attivazione automatica degli elettrodomestici più energivori nelle fasce orarie convenienti.

Domotica in casa con anziani

La domotica assistenziale può essere un aiuto fondamentale per i nostri familiari anziani che siano conviventi con noi o che vivano in un proprio appartamento.
Perché si parla di domotica assistenziale? Perché spesso gli anziani autosufficienti o semi autosufficienti hanno bisogno di un aiuto continuativo che non sempre siamo in grado di garantire. Ed ecco che, senza la pretesa di sostituire una badante o una operatrice sanitaria, alcune soluzioni di domotica permettono, da una parte, di monitorare lo stato di benessere, e dall’altra, di facilitare la vita al nostro parente anziano.

domotica per anzianiImage by DCStudio on Freepik

È possibile, ad esempio, tramite un braccialetto salvavita, sapere se una persona anziana o disabile stia avendo un problema di salute o sia caduta mentre si trovava da sola in casa.
Il braccialetto salvavita invia una richiesta automatica di SOS nel caso di cadute della persona anziana. Ma dalla app sul cellulare, associata al braccialetto, i familiari possono anche controllare i dati del battito cardiaco, della qualità del sonno o della posizione.
Se il nostro parente anziano non è in grado di utilizzare strumenti di questo tipo è possibile mantenerne il controllo da remoto, per esempio per controllare lo stato della batteria o l’accensione.
Le problematiche che una persona anziana o con difficoltà di movimento può incontrare a casa sono tante. Anche solo aprire o chiudere le tapparelle può essere un’operazione davvero faticosa. Per questo la motorizzazione e il controllo da remoto di più funzioni possibile sono estremamente determinanti per una serena quotidianità.
sotto controllo eventuali intrusioni in casa, fughe di gas, perdite d’acqua e situazioni pericolose in generale

Incentivi per la domotica assistenziale per anziani

Per agevolare la vita delle persone anziane con limiti di autosufficienza o di mobilità, in virtù del Piano per la non autosufficienza 2022-2024, le Regioni possono erogare contributi per promuovere l’acquisto di soluzioni tecnologiche o di domotica per il miglioramento dell’ambiente domestico e utili per supportare le abilità della persona.

Domotica in casa con bambini

Anche per le famiglie con bambini piccoli l’utilizzo della domotica può fare la differenza nella gestione della quotidianità.
La domotica permette di monitorare i bambini con telecamere e sensori di movimento per assicurarsi che stiano bene mentre giocano o riposano.

domotica bambini
Image by pch.vector on Freepik

Anche la gestione a distanza di dispositivi elettronici come tablet, tv e cellulari, programmandoli perché si spengano quando è ora di andare a dormire; o impedendo che si possano accendere in assenza degli adulti.
I termostati intelligenti possono gestire la temperatura della camera dei vostri bimbi, adattandosi automaticamente alla temperatura esterna; ma possono essere anche comandati da remoto attraverso il vostro cellulare. Si adattano a qualsiasi tipo di riscaldamento autonomo o centralizzato, tramite condizionatore o calorifero (purché con termovalvole).
Per ragazzi un po’ più grandi che usano abitualmente smartphone e computer una soluzione interessante è il Kaspersky Safe Kids, una applicazione che può svolgere contemporaneamente funzioni di geofencing (cioè il tracciamento della posizione) e di proxy per la navigazione online (per escludere siti pericolosi). Addirittura può regolare il tempo di accensione dei dispositivi per combattere la dipendenza da telefono o da pc.

Colf, badanti, babysitter e video-sorveglianza

Il tema della video sorveglianza viene associato normalmente alla sicurezza della casa. Però nel caso di collaboratrici domestiche che lavorano in casa può generare problematiche associate al controllo del lavoro e alla tutela della riservatezza dei dipendenti.
Il lavoro domestico si basa su un rapporto fiduciario e che nella stragrande maggioranza dei casi viene onorato e rispettato in quanto tale da entrambe le parti. Tuttavia in alcuni – per fortuna – rari casi si può verificare un problema di fiducia che porta la famiglia a considerare l’installazione di sistemi di video-sorveglianza controllati da remoto, cosa che ovviamente ogni cittadino è libero di fare.
In questi casi quali sono le regole da rispettare?
È fondamentale che il datore di lavoro rispetti i vincoli posti dalla normativa sul trattamento dei dati personali a tutela della riservatezza e quelli a tutela della libertà e integrità morale del lavoratore. Quindi, in altre parole, è necessario che il lavoratore sia sempre informato del fatto che si trova ad operare in aree video sorvegliate e che le telecamere non siano installate in aree di pertinenza esclusiva del domestico, come la sua camera da letto, gli spogliatoi o i servizi igienici.

Esempi di domotica

Se siete in procinto di ristrutturare la vostra abitazione o in particolare gli impianti elettrici, questa potrebbe essere l’occasione per applicare tutte le soluzioni di domotica che potrebbero migliorare la vita quotidiana dei vostri cari.
Ma è possibile anche iniziare a sperimentare soluzioni di smart home senza dover investire grandi somme o impegnarvi in lavori strutturali.

Tecno-gadget, prese e lampadine intelligenti

Sono tutte soluzioni di facile installazione che permettono, con un neologismo molto usato sulla rete, di “smartizzare” (rendere smart) varie funzioni della vostra abitazione.
In commercio sono facilmente reperibili prese o lampadine intelligenti che possono essere comandate da remoto con una app, spesso gratuita, da installare sullo smartphone.
Se vogliamo preservare l’estetica del nostro arredamento oppure non abbiamo spazio per prese esterne, esistono anche dispositivi di controllo remoto che vengono collegati ai fili e inseriti dentro alla scatola elettrica della presa, risultando quindi del tutto invisibili.
Quando si parla di tecno-gadget il campo si allarga ad altre soluzioni ugualmente semplici da installare ma ancora più interessanti. Il dispositivo Intercom, con un semplice collegamento al vostro citofono (senza interventi esterni) vi permette di gestire il citofono dal vostro smartphone. Molto utile e comodo se siete in giardino o addirittura dovete rispondere al corriere quando non siete in casa!

App di controllo remoto

Si tratta di applicazioni di controllo remoto di prese o lampadine intelligenti oppure di elettrodomestici IoT (li vedremo dopo). Per fare un paio di esempi, Kasa oppure Smart Life – Smart Living, sono scaricabili dai rispettivi store per iOS o Android e ci permettono non solo di accendere o spegnere luci o altri elettrodomestici, ma in alcuni casi anche di impostare degli scenari in cui si combina il controllo di più dispositivi insieme. Facciamo un esempio pratico: quando usciamo per il weekend possiamo impostare lo scenario “fuori casa” che spegne tutte le luci, abbassa il riscaldamento e accende l’allarme… il tutto con un solo click dal cellulare. Quindi se siamo già in auto e abbiamo un dubbio non dobbiamo tornare indietro!

Assistenti vocali

Gli assistenti vocali, nati come strumento commerciale per le grandi piattaforme di e-commerce, si sono diffuse molto rapidamente in quanto oggetto simpatico e curioso da tenere in casa più che altro per ascoltare la musica o chiedere previsioni meteo. Ma stanno oggi conoscendo una nuova vita come dispositivi di controllo remoto vocale. Infatti possono essere facilmente collegati con la maggior parte delle app suddette, delle prese o lampade intelligenti, e soprattutto degli elettrodomestici IoT. In questo modo il controllo remoto che si farebbe normalmente dal telefono può essere sostituito da un controllo vocale (es: “Alexa, accendi tv in salotto”; “Ok Google, spegni luce camera letto”; “Siri, spegni l’irrigatore”). Per fare un altro esempio, Domus4uwifi è una applicazione integrata che può controllare con comandi vocali tutti i dispositivi smart nella nostra casa, senza dover associare app + assistente vocale.

Internet of Things: gli elettrodomestici intelligenti

Gli elettrodomestici intelligenti, che rientrano appunto nel concetto di Internet of Things, sono progettati per dialogare con controlli esterni o raccogliere dati dall’ambiente per attivare determinati comportamenti in autonomia. Lavatrici, frigoriferi, robot da cucina, forni, sistemi di irrigazione, videosorveglianza o trattamento dell’aria. Questi sono solo alcuni esempi dei campi in cui si possono trovare elettrodomestici intelligenti che si attivano ed eseguono determinate azioni ricevendo comandi da remoto o dati dall’ambiente circostante.
Immaginate di aver predisposto la parmigiana di melanzane in forno la mattina appena usciti: il forno intelligente si è attivato all’ora giusta per farvi trovare la pietanza calda appena arrivati a casa. Oppure immaginate un impianto di irrigazione che regola il flusso in base all’umidità dell’aria. O ancora un depuratore dell’aria che si accende quando percepisce la presenza di micro-componenti poco salutari nell’aria del vostro appartamento.

Smart home

smart home assistantL’applicazione Home Assistant è l’ultimo stadio dell’innovazione digitale applicata alla vita quotidiana. Per alcuni, un approccio da fanatici geek della tecnologia. Per altri, uno strumento avanzato e utilissimo per migliorare la qualità della vita e risparmiare sui costi dell’energia. Un tema, quello del risparmio energetico, che ci è molto caro e che abbiamo trattato nel progetto Italia in classe A in partnership con ENEA.
Home Assitant è una soluzione open (quindi gratuita) per la gestione globale della casa: dal controllo e monitoraggio di tutti i dispositivi IoT o “smartizzati”, alla gestione della eventuale produzione di energia con impianti fotovoltaici (compreso il controllo di carica di qualsiasi dispositivo di stoccaggio, dalle batterie della macchina alle power-station domestiche).

In conclusione, sicurezza della casa e della persona, comodità e risparmio energetico sono le motivazioni più profonde per avvicinarsi all’utilizzo di soluzioni di domotica per le nostre case.
Soprattutto per le famiglie che abbiano anziani o minori la domotica può essere un valido aiuto che, lungi dal sostituire un’assistenza umana professionale, ma piuttosto affiancandosi ad essa, può facilitare il compito quotidiano dei familiari caregiver.

Assindatcolf ti assiste nella gestione del lavoro domestico.

Dal contratto alla busta paga, dalle ferie al TFR.

Assindatcolf Associati Ora

Scrivi ad Assindatcolf

per un dubbio o un consulto su questioni contrattuali